A Tavola con il Principe

“A Tavola con il Principe” è il secondo album degli X-Mary, gruppo di San Colombano al Lambro attivo da undici anni. Una strumentazione classica, una pianola, un flauto, una chitarra, percussioni rimbombanti, un basso, la voce. La loro ultima fatica, prodotta e mixata dal Fabio “Magister” Magistrali, ritrae, nel migliore dei modi, la leggerezza astratta dell'indie-rock italiano, la freschezza che snellisce, sminuisce, lo sperimentalismo spasmodico dell’underground contemporaneo. Ventiquattro tracce, trentasette minuti di musica pura, divertimento e tanto sudore. Loro, gli X-Mary, rappresentano la schizofrenia dei migliori Wire, intrecci sonori che sfociano nel sensazionale, stralunato, pop (quello veloce, quello che volgarmente potremmo definire “colto”, quello che rimane in testa, quello che non si dimentica facilmente) di “Le tre bellezze della vita”, “Mare Spera”, “Carolina”, nel post-punk di “Kiss Me Kiss Me Kiss Me Kiss Me Kiss Me Kiss Me”, “Son più bella io o sei più bella tu?”, nel noise dissonante di “Negrogrind”, nello swing di “Al mercato”, nella marcetta esplosiva di “Donnez-moi une cigarette”, nel lato “danzereccio” di “Zucca”, nel brevissimo “blues” di “Ospedale Maggiore”. “A Tavola con il Principe”, la naturale irriverenza degli X-Mary, l’ironia del quartetto lombardo (i testi, diretti, genuini), la semplicità compositiva, continuamente perfetta, essenziale, per niente sfarzosa, per niente mediocre. “A Tavola con il Principe”, la grandissima riconferma degli X-Mary, il piacere di poter ascoltare, tutto d’un fiato, quelle ventiquattro tracce presenti all’interno dell’album che, inspiegabilmente, scorre, rapidamente, fra le nostre dita. I brani, perfetti. Uno dei dischi più interessanti dell’anno, se non il più interessante nel panorama musicale italiano targato 2006. Chapeau.
Francesco Diodati, RockOn

Codice: wal099
Febbraio, 2008
CD
24
37