Garage Bleu

L’infornata delle nuove uscite Wallace si conclude con l’esordio dei Mulu, duo di ‘femme fatale’ che giocano con la tradizione cantautorale, l’elettronica, il rock e certa sperimentazione. In “Garage bleu” le due esplorano una forma di elettronica ridotta all’osso eppure molto variopinta, utilizzando minimal beat come scheletro per loro musica, lasciando a pianoforte, chitarra e fiati il compito di decorare nel particolare. Su tutto si stagliano gli intrecci vocali delle due che al pari di due sirene, ammaliano e confondono gli avventori. Si passa dalle atmosfere scure un po’ alla Laurie Anderson / Cocorosie (l’ottima Spleen, con un beat molto scarno e una chitarra noise in secondo piano, la scarna melonhead), al pop sperimentale dei Radiohead (stanza 15) e Rollerball (opale), dall’elettro-wave anni ’80 di 53 hands fino al rock acido (macbeth witches) ed alla ballata noir (happiness; stanza 1 con un decadente sassofono). Una piacevole novità nel catalogo Wallace e una scelta più che mai azzeccata.
Alfredo Rastelli, Sands-Zine

Codice: wal107
Gennaio, 2009
CD
9
36