Greetings from S.sg

Agatha nome dolce e suadente accostabile ad una fanciulla giovane e brillante oppure simpatico e sbarazzino se lo si immagina addosso ad una bambina sveglia e gioiosa. Ma provate ad ascoltare Greetings from S.sg 2005 e avrete la strana impressione di trovarvi di fronte ad una figura mitologica, enorme, grezza e sporca. Ebbene si gli aggettivi immediati da utilizzare dopo aver ascoltato le 9 tracce di AGATHA sono proprio questi. Non esistono mezze misure. Temper, devastante amplesso sonoro, tanto rudimentale quanto sopraffino ti spiazza e ti stordisce all'istante, spostandoti di netto da un centrifugato di accordi malsani e maledetti a scarni vocalizzi incessanti. Le ragazze continuano incuranti con strepitosi marasma sonori quali Pleasure e We're a Band of Freaks dai quali trovare il bandolo della matassa per uscirne risulta davvero improbabile. Le primordiali note di March, 1st, 2005 e My Teacher Plays in a Metal Band distruggono ogni preconcetto sul genere, mantenendo alto più che mai il livello dell'intera opera. Concepire poi I Love My Gfs. e portarla a termine significa non avere alcuna pietà per chi ascolta. Brano questo che sembra essere uscito dal grembo allucinato di un fabbro intento a modellarne le note che lo compongono. Pamela, Daniela e Claudia sono artefici di un lavoro certosino. Ogni singolo brano è una perla ed ogni perla una nota. Ricoperta a sua volta di polvere ferrosa e ombrose gocce di catrame che, lentamente ci cadono addosso.
Stefano Mauro, Territorio Musicale

Codice: wal071
Luglio, 2005
CD
9
24