Tennis d'Amor

Tennis d'Amor è stato registrato a fine novembre 2015 tra Pesaro e Fano, a Ca' Ramarra, che è un agriturismo che spunta lì sulla collina, ma basta girarsi e vedi il mare.
Tutti i brani in presa diretta, chitarra, tastiera e batteria. Una stanza grande e microfoni messi nei punti giusti.

Michael Camillas, Zagor Camillas e Ruben Camillas. Luciano faceva da mangiare bene, in cucina.

Il missaggio è stato fatto sui treni, durante i viaggi per raggiungere i posti dei concerti. Fra i sedili sono nascoste le prese elettriche e lì puoi trovare l'energia. E poi c'erano le cuffie e la pazienza di Enrico Liverani, che ha prodotto il disco, maneggiando i suoni e mettendo tutto in ordine, come dopo un pranzo di matrimonio. Le canzoni Il disco dura 24 minuti e le canzoni sono 9. Sono disposte secondo un ordine umorale, che insegue l'emozione della scoperta del movimento corporeo fino al burrone dentro il quale ti lanci tranquillamente, perchè sai che materassi di cori e violini ti rilanceranno in cielo.

In un brano, L'Armata, ci sono la voce ed i discorsi dello scrittore Giuseppe Genna. In un altro, Sulle labbra, ci sono la voce e le intonazioni della cantante lirica Mina Suzuki. Una canzone, Il Postino, l'ha scritta Calcutta per noi. Alcuni brani hanno una storia lunga: La macchina motivazionale, che spinge alla consapevolezza. Il Codice, tutto vuoti e tutto pieni. Atalanta invece ti affronta senza stancarsi mai, ti mette alla prova, ti stende di baci. E poi Cuscini, la canzone del primo video, prodotto da Claudio Tacchi, e che è fatta di attenzione, forza di gravità e leggerezza. Rimarra è nata lì ed è perfetta per saltare in circolo. E infine Lunanimità, la canzone che nasce in ogni posto.

Codice: wal192
Aprile, 2016
CD
12
24